Un abbraccio aperto sul mondo! (Venerdì Santo)


Dal Vangelo secondo Giovanni (leggi tutto il brano Gv 18,1- 19,42)
In quel tempo, Gesù uscì con i suoi discepoli al di là del torrente Cèdron, dove c’era un giardino, nel quale entrò con i suoi discepoli. Anche Giuda, il traditore, conosceva quel luogo, perché Gesù spesso si era trovato là con i suoi discepoli. Giuda dunque vi andò, dopo aver preso un gruppo di soldati e alcune guardie fornite dai capi dei sacerdoti e dai farisei, con lanterne, fiaccole e armi. Gesù allora, sapendo tutto quello che doveva accadergli, si fece innanzi e disse loro: «Chi cercate?». Gli risposero: «Gesù, il Nazareno». Disse loro Gesù: «Sono io!». Vi era con loro anche Giuda, il traditore. Appena disse loro «Sono io», indietreggiarono e caddero a terra. 
Domandò loro di nuovo: «Chi cercate?». Risposero: «Gesù, il Nazareno». Gesù replicò: «Vi ho detto: sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano», perché si compisse la parola che egli aveva detto: «Non ho perduto nessuno di quelli che mi hai dato». Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori, colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l’orecchio destro. Quel servo si chiamava Malco. Gesù allora disse a Pietro: «Rimetti la spada nel fodero: il calice che il Padre mi ha dato, non dovrò berlo?».

Per riflettere...
In quel tempo, Gesù uscì con i suoi discepoli al di là del torrente Cèdron, dove c’era un giardino, nel quale entrò con i suoi discepoli. Anche Giuda, il traditore, conosceva quel luogo, perché Gesù spesso si era trovato là con i suoi discepoli. Giuda dunque vi andò, dopo aver preso un gruppo di soldati e alcune guardie fornite dai capi dei sacerdoti e dai farisei, con lanterne, fiaccole e armi. Gesù allora, sapendo tutto quello che doveva accadergli, si fece innanzi e disse loro: «Chi cercate?». Gli risposero: «Gesù, il Nazareno». Disse loro Gesù: «Sono io!». Vi era con loro anche Giuda, il traditore. Appena disse loro «Sono io», indietreggiarono e caddero a terra. 
Domandò loro di nuovo: «Chi cercate?». Risposero: «Gesù, il Nazareno». Gesù replicò: «Vi ho detto: sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano», perché si compisse la parola che egli aveva detto: «Non ho perduto nessuno di quelli che mi hai dato». Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori, colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l’orecchio destro. Quel servo si chiamava Malco. Gesù allora disse a Pietro: «Rimetti la spada nel fodero: il calice che il Padre mi ha dato, non dovrò berlo?».
Sono Io l’acqua di vita che disseta ogni anelito del cuore. Sono Io la luce che illumina e avanza nelle tenebre. Sono Io la risurrezione, la vita in pienezza che non conosce tramonto. Perché allora, cerchiamo altrove la risposta a questa domanda? Il Signore non si scandalizza dei miei peccati, ma si arresta davanti alla mia mancanza di conversione, perché lì entra in gioco la mia libertà, la mia adesione e responsabilità.
Contempliamo il Crocifisso, che solo ed esclusivamente per amore ha dato la sua vita per noi. Rispondere a questa domanda significa dunque riempire di Senso il non senso, trovare il Tutto nel relativo che la società ci propina, il Fedele nonostante le nostre fragilità.
Coraggio! Il Signore attende anche noi in quel giardino per trasformarlo da deserto arido in un prato fiorito, colorato da mille fiori dove risuona il canto della vita.

Don Antonio Colombino



Commenti

Post popolari in questo blog

Mercoledì delle Ceneri

Alzati e Cammina

TrasfigurAzione! (Seconda domenica di Quaresima)