Silenzio e attesa! (Sabato Santo)


Per riflettere...
Oggi è un giorno particolare, non si sa bene cosa fare, anche perché il nostro pensiero è ormai tutto rivolto alla domenica di Pasqua! Eppure non è solo un giorno di passaggio. Pensa ai discepoli, cosa avranno fatto? Forse nella disperazione per la morte del loro Maestro qualcuno si sarà ricordato delle sue parole: “Verrò ancora e mi vedrete”, forse qualcuno pur nell’evidenza della morte avrà sperato e atteso… Sì, perché oggi è il giorno dell’attesa! Se entri in una chiesa la troverai completamente spoglia, niente fiori né luci né tovaglia sull’altare… è un giorno di grande silenzio, tutta la terra è come sospesa! Oggi non si celebra l’Eucaristia, il sepolcro è chiuso da una grande pietra, un masso enorme ha sigillato il Vivente! Quale pietra che è in me sigilla il sepolcro? Come le donne la mattina di Pasqua mi chiedo: Chi rotolerà via la pietra che ingombra il mio cuore?
È difficile fare silenzio dentro e fuori, ma forse oggi pur tra le tante cose posso ritagliarmi un po’ di tempo per attendere la Sua salvezza.
I Padri della Chiesa dicono che oggi il Signore scende negli Inferi per salvare tutta l’umanità che era in attesa e afferra il primo uomo, Adamo, e la prima donna, Eva, riprendendoli con sé! Il Signore scende fino in fondo al nostro buio e ci prende per mano, ci tira fuori e ci fa risalire. È un respiro, è libertà, è la Pasqua! Questo avviene anche per te, oggi!
Maria S., La Tenda del Magnificat

Puoi pregare, se vuoi, con il Salmo 138 (139): “Signore tu mi scruti”, e con la Lettera ai Romani (8,35-39): “Chi ci separerà dall’amore di Cristo?”, sapendo che ormai non c’è nulla che possa allontanarti da Lui!

Sabato Santo

Commenti

Post popolari in questo blog

Mercoledì delle Ceneri

Alzati e Cammina

TrasfigurAzione! (Seconda domenica di Quaresima)